Scuola Infanzia HomeHome - Il racconto - Videoclip -  Progetto - Lo spettacolo - Le canzoniSchede degli alberi


MOTIVAZIONI IL PERCORSO   OBIETTIVI     STRUMENTI   VALUTAZIONE

Anno Scolastico 2009/2010

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA COMUNICAZIONE




Esperienza educativo - didattica per l'ampliamento delle competenze comunicative di tutti i bambini e loro famiglie


QUADRO DI RIFERIMENTO E MOTIVAZIONI

Il progetto si propone innanzitutto di avvicinare il bambino alla scoperta degli alberi, in generale, e degli alberi tipici della nostra zona, in particolare, che, con la loro varietà, da sempre affascinano i bambini, sollecitano la loro curiosità, invitano a porre domande e  formulare ipotesi.

 IL BOSCO PARLANTE è una storia , liberamente tratta dal racconto: “La quercia e il pino dispettoso”,Nicola Milano editore, rielaborata a cura delle insegnanti della scuola perché possa essere facilmente comprensibile ai bambini in età pre-scolare.

Attraverso il racconto si è inteso favorire l’identificazione del bambino con i  suoi personaggi,  cogliendone e valorizzandone  le diversità, per dare  la possibilità a ciascun bambino di raccontarsi e di entrare in contatto con la propria interiorità, affinando nel contempo le proprie abilità espressive e linguistiche.
 
L’albero ha come l’uomo una storia: nasce, si nutre, respira, diventa grande, si riproduce e spesso ha una lunga vita; come l’uomo, ogni albero è unico nella sua diversità, ognuno portatore di caratteristiche e doni propri: partendo dalla loro osservazione si è inteso portare il bambino a riflettere su se stesso e sugli altri, valorizzando le diversità.

Attraverso i personaggi guida, sono state proposte esperienze e favorite opportunità d’osservazione dell’ambiente naturale, utilizzando e valorizzando in modo particolare il giardino della scuola, in modo divertente e coinvolgente, con l’intento di promuovere la capacità alla scoperta, analisi e sistematizzazione della realtà utilizzando tecniche di osservazione e di ricerca appropriate, un linguaggio specifico e modalità di lavoro aperte al confronto, alla discussione, al cambiamento.



IL PERCORSO
Lo svolgimento del progetto si è articolato secondo  un percorso didattico nel corso del quale sono state affrontate ed approfondite tematiche relative alla conoscenza dell’ambiente,  alla valorizzazione ed accettazione delle diversità, all’arricchimento linguistico.
Il progetto, trasversale a tutti i campi di esperienza,  ha interessato i bambini di 5/6 anni della Scuola dell’Infanzia di Musile di Piave ed ha coinvolto, in misura diversa, tutte le insegnanti.

Docenti coinvolti:
Tutte le insegnanti della scuola

Alunni coinvolti:
“Il Bosco Parlante” è un progetto che ha interessato tutti i bambini  della Scuola dell’Infanzia di Musile di Piave. 

Tempi:
Da novembre a Marzo: fase iniziale - da Aprile a Maggio: fase concusiva


OBIETTIVI GENERALI:

  • Favorire l’ascolto, la comprensione, la produzione del linguaggio.
  • Conoscere se stesso e l’altro.
  • Rappresentare e comunicare le esperienze utilizzando vari materiali e linguaggi (comprese le ICT)
  • Promuovere relazioni positive con l’ambiente, i coetanei e gli adulti
  • Conoscere alberi  diversi attraverso gli ambienti naturali vicini al bambino ed i personaggi del racconto
  • Sviluppare miglior cura nei confronti dell’ambiente.
  • Partecipare alla realizzazione di un progetto comune.

La realizzazione del progetto ha previsto la suddivisione in 2 fasi tematiche:

1^ fase: IL BOSCO PARLANTE
TEMPI: da Novembre a Marzo
Conoscere, attraverso l’ascolto attivo e la partecipazione allo spettacolo teatrale,  gli alberi protagonisti della storia, che guideranno i bambini nelle diverse fasi del progetto.

2^ fase: IMPARIAMO A CONOSCERE GLI ALBERI
TEMPI: da Aprile a Maggio
Osservazioni degli alberi del giardino della scuola, conoscerne il nome, analizzare forme, grandezze, qualità degli alberi conosciuti nel racconto o nella realtà più vicina.


ATTIVITA’ SVOLTE :
Sono seguiti nelle singole classi, in giardino, o utilizzando spazi comuni:
  • Lettura animata del racconto “Il Bosco Parlante”
  • Rappresentazione teatrale “Il Bosco Parlante”                            
  • momenti  di  verbalizzazione e rielaborazioni grafico- pittoriche delle esperienze  effettuata, realizzazione di riproduzioni individuali e di gruppo, realizzate mediante tecnica mista (disegno, collage, pittura);




  • Attività guidate di esplorazione degli alberi presenti nel giardino della scuola.
  • Ricerca e lettura di immagini, testi, informazioni  e quant’altro su libri ed internet per arricchire e completare le esperienze dei bambini
  • Ricerca delle "parole degli alberi" e realizzazione di libri individuali
  • realizzazione di giochi di gruppo inerenti il progetto (domino, puzzle, memory)



  • Realizzazione ed utilizzo di schede di verifica sulle principali caratteristiche di  alcuni degli alberi conosciuti
  • Realizzazione di pagine web contenente schede relative alle principali caratteristiche degli alberi conosciuti (“LE SCHEDE DEGLI ALBERI”)
  • realizzazione di libri individuali sulle caratteristiche degli alberi conosciuti nel corso di realizzazione del progetto
LA CARTA D'IDENTITA' DEGLI ALBERI
vedi»»carta d'identità degli alberi
Realizzazione con Audacity di un CD-audio con la registrazione del racconto con l’aggiunta di basi musicali ed effetti sonori, da far riascoltare ai bambini nelle singole sezioni
  • Realizzazione di un video con le riprese dello spettacolo
  • Rielaborazione della  vicenda  rappresentata nelle singole sezioni in modo da individuarne con i bambini le sequenze salienti per realizzare un breve racconto illustrato dai bambini
  • Realizzazione  con Windows Movie Maker e Audacity di un videoclip della storia narrata ed illustrata dai bambini stessi
  • realizzazione di cartelloni murali sul tema. il nostro albero
  • Creazione di raccolte di elaborati personali e foto cd da portare a casa per coinvolgere le famiglie sull’argomento e far loro apprezzare le conquiste e i progressi del proprio bambino
  • Realizzazione della recita di fine anno a conclusione del progetto e per comunicare alle famiglie il percorso didattico svolto.
 locandina festa di fine anno
  • Presentazione ai genitori nel corso della stessa del video e delle presentazioni realizzate nel corso dell’anno 
  • Nel corso di svolgimento del progetto sono state effettuate alcune foto  nelle classi per documentare alcuni momenti delle attività  svolte dai bambini e dalle insegnanti con le quali è stato un realizzato un web album con Picasaweb.
  • Realizzazione di pagine web dove inserire tutto il materiale (multimediale e non) prodotto in relazione al progetto svolto


Si descrivono gli Obiettivi specifici d’apprendimento relativi alle suddette fasi:

CAMPI D’ESPERIENZA

OBIETTIVI SPECIFICI d’APPRENDIMENTO

IL SE’

E

L’ALTRO

 

 

 

 

 

 


  • Favorire l’instaurarsi di relazioni positive tra bambini e con l’adulto.
  • Aumentare la capacità di comunicare utilizzando anche il contesto oggettuale.
  • Saper rispettare le regole principali facendole proprie.
  • Costruirsi un’immagine positiva di sé.
  • Non sfuggire alle  situazioni più difficoltose.
  • Attivarsi per la risoluzione e gestione dei conflitti ricercando soluzioni alternative.
  • Riconoscere ed esprimere le  proprie emozioni, i sentimenti e bisogni.
  • Favorire il superamento dei momenti conflittuali della crescita.
  • Esprimersi attraverso il gioco simbolico.
  • Favorire il gioco di ruolo.
  • Cogliere la diversità degli alberi nel racconto e nel contesto ambientale ( scuola).
  • Cogliere gli aspetti che caratterizzano gli alberi  protagonisti del racconto.
  • Instaurare un legame affettivo - emotivo con il racconto:”il bosco parlante”.
  • Confrontarsi con le diverse “personalità” degli alberi presenti nel racconto.
  • Identificarsi con un albero del racconto: “il bosco parlante”.
  • Condividere con i compagni  il momento comunicativo della rappresentazione teatrale.
  • Riconoscere e valorizzare le affinità.
  • Scoprire la propria identità.
  • Scoprire l’identità altrui.
  • Acquisire comportamenti e relazioni indispensabili ad aprirsi e confrontarsi con l’alterità.
  • Sviluppare sensibilità e attenzione alla diversità vista come ricchezza.
  • Valorizzare la cultura originaria.

IL CORPO

IN

MOVIMENTO

 

 

 

 

 

 

 

  • Sviluppare la propria identità corporea.
  • Esprimere con il corpo emozioni e sentimenti.
  • Collegare canti, musiche e suoni alla gestualità e ai movimenti del corpo.
  • Sviluppare il gioco senso-motorio centripeto settoriale
  • ( giochi di contatto con se stessi,giochi di contatto esterno,giochi di prensione).
  • Sviluppare il gioco senso-motorio centripeto globale
  • ( giochi di equilibrio-disequilibrio, il dondolio, la caduta, la capovolta, lo spostamento, il rotolare..)
  • Sviluppare il gioco senso motorio centrifugo settoriale (toccare per scoprire, manipolare)
  • Sviluppare il gioco sensomotorio centrifugo globale
  • ( giochi di spostamento, il passo ,la corsa..)
  • Capacità di eseguire spostamenti guidati di orientamento spaziale e di lateralità su uno spazio strutturato.
  • Favorire lo sviluppo della motricità fine.
  • Sviluppare l’organizzazione spaziale.
  • Sviluppare la coordinazione visuo-motoria

 

LINGUAGGI,

CRATIVITA’,

ESPRESSIONE

 
 

 

  • Esplorare i materiali a disposizione e utilizzarli con creatività.
  • Cercare, inventare e riprodurre suoni.
  • Potenziare abilità e competenze che faciliteranno l’apprendimento della lettura e scrittura.
  • Ascoltare e riconoscere i suoni presenti nel racconto.
  • Esprimersi, lasciare tracce, scrivendo anche con mezzi non convenzionali.
  • Riconoscere e individuare le caratteristiche sensoriali degli oggetti.
  • Elaborazione produzione di un albero  originale e creativo.
  • Capacità di lavorare cooperativamente.
  • Utilizzare le molteplici competenze comunicative.
  • Cogliere e sviluppare le abilità sensoriali.

 I DISCORSI

E

LE PAROLE

 

 

 

 

  • Ascolto del racconto.
  • Comprensione del messaggio .
  • Riconoscere e riprodurre i suoni delle parole.
  • Letture in sezione a voce alta.
  • Letture animate.
  • Capacità di inventare narrazioni.
  • Capacità di utilizzare linguaggi diversi.
  • Capacità di ascoltare e imparare e confrontare  parole diverse in altre lingue.
  • Capacità di utilizzare simbolicamente la forma della parola.
  • Apprezzare la pluralità linguistica.
  • Capacità di gestire le prime fonetizzazioni utilizzando l’idea sillabica.
  • Capacità di scoprire i fonemi, superando il livello sillabico-alfabetico.
  • Favorire  l’espressione orale.
  • Riconoscere i diversi suoni che compongono le parole.
  • Riconoscere le forme, lettere e numeri. 

LA CONOSCENZA

DEL

MONDO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ordine, spazio, misura

  • Orientarsi nello spazio
  • Riconoscere e distinguere le relazioni spaziali(alto,basso,davanti,dietro,sotto,vicino,lontano).
  • Stabilire, nominare e rappresentare relazioni spaziali.
  • Sviluppare un’attenzione visuo-spaziale e selettiva.
  • Capacità di dedurre, riconoscere forme, lettere e numeri.
  • Capacità di riprodurre forme.
  • Capacità di stabilire relazioni.

tempo, natura

  • Osservare le caratteristiche dell’albero in base alla stagione.
  • Classificare con uno o due attributi.
  • Utilizzare i connettivi NON,E ed O.
  • Utilizzare strumenti di misurazione.
  • Utilizzare strumenti simbolici di registrazione.
  • Cogliere il concetto di ciclicità.
  • Ordinare sequenze temporali.
  • Descrivere un’esperienza.
  • Cogliere il concetto di ciclicità.
  • Ordinare sequenze temporali.
  • Descrivere un’esperienza.
  • Osservare, riconoscere e descrivere qualità formali della realtà naturale (forme,colori,dimensioni)
  • .Descrivere la realtà utilizzando un lessico scientifico.
  • Riconoscere i cambiamenti delle stagioni osservando le piante, gli ambienti naturali.
  • Saper affrontare e risolvere problemi, saper mettere in relazione “causa-effetto”.
  • Conoscenza del ciclo vitale delle piante.
  • Riconoscere che le piante intorno a noi sono differenti le une dalle altre.
  • Classificazione  e seriazione di foglie.
  • Compiere raggruppamenti per colore, forma, grandezza e lunghezza.
  • Stabilire relazioni quantitative:molti-pochi, uno -tanti,di più -di meno .
  • Favorire la capacità di rappresentare una relazione logica utilizzando una tabella a doppia entrata.
  • Imparare a denominare le parti principali dell’albero (esterne, interne),e  a descriverne le funzioni specifiche.
  • Imparare a distinguere le forme e le dimensioni dei diversi tipi di albero.
  • Comprendere il ciclo vitale dell’albero.
  • Comprendere il valore degli alberi.
  • Promuovere la comprensione del rapporto di analogia tra le modalità nutritive delle piante e quelle dell’uomo .
  • Conoscere gli elementi necessari alla crescita delle piante.
  • Compiere e registrare esperimenti.



STRUMENTI:

Gli strumenti tecnologici hanno costituito un valido supporto per la realizzazione del progetto e lo hanno  accompagnato  in tutte le sue fasi: la ricerca di notizie, informazioni, immagini ed altro materiale multimediale  per prepararsi alle “esplorazioni”, per la documentazione e la rielaborazione delle esperienze vissute e delle nuove conoscenze acquisite.
In particolare:

  • Realizzazione con Audacity di un CD-audio con la registrazione del racconto con l’aggiunta di basi musicali ed effetti sonori, da far riascoltare ai bambini nelle singole sezioni e da inserire nel sito della scuola per accompagnare il testo scritto.
  • Rappresentazione teatrale “Il Bosco Parlante” e ripresa video della stessa
  • L’ utilizzo di videocamera digitale , programma di video editing, videoproiettore per la realizzazione di un video utilizzando le riprese della rappresentazione. 
  • Rielaborazione della  vicenda  rappresentata nelle singole sezioni in modo da individuarne con i bambini le sequenze salienti per realizzare un breve racconto illustrato dai bambini
  • Realizzazione  con Windows Movie Maker e Audacity di un videoclip della storia narrata ed illustrata dai bambini stessi, da vedere a scuola e da inserire nelle pagine del sito

L’utilizzo delle N.T. ha portato al processo di insegnamento–apprendimento un  valore aggiunto che è quello di favorire l’interesse e quindi la motivazione all’apprendimento da parte dei bambini, che vivono questo genere di attività come un gioco.

Per quanto riguarda, ad esempio, la comprensione e la rielaborazione del racconto  “Il Bosco Parlante”, che che funto da “sfondo” per tutte le attività previste dal progetto, e della sua struttura logico-sequenziale, ho utilizzato Movie Maker: in questo caso il testo è stato in un primo momento “esteriorizzato” attraverso il racconto orale e rielaborato verbalmente nel corso di conversazioni di gruppo.  In questa fase sono stati  in qualche modo fatti emergere e “fissati” gli elementi caratterizzanti la storia (ambiente, tempo, personaggi principali e secondari, ecc.) ed operata una sua prima suddivisione in sequenze logiche che i bambini hanno avuto poi il compito di rappresentare graficamente. I disegni dei bambini sono stati successivamente acquisiti tramite scanner ed utilizzati per la realizzazione del vidoclip.

Alle immagini è stato quindi aggiunto il testo narrato, con le registrazioni delle frasi corrispondenti  pronunciate dai bambini, utilizzando il semplice programma “Registratore di suoni”.   In questo modo è stato possibile “fissare” il prodotto del percorso didattico svolto e renderlo ri-presentabile e quindi fruibile anche da parte di altri alunni e dei genitori.



VALUTAZIONE DELL’ESPERIENZA

Gli aspetti maggiormente positivi sono stati il coinvolgimento attivo ed entusiastico dei bambini interessati al progetto, il fatto di lavorare anche per gruppi di intersezione che ha permesso di mettere in comunicazione bambini ed insegnanti di sezioni diverse, la partecipazione collaborativa delle insegnanti.

Lo svantaggio è derivato dal dover gestire un numero così elevato di bambini, coordinare numerose classi ed insegnanti e dall’ampiezza delle tematiche affrontate dal progetto.

L’utilizzo delle TIC, dato il numero e l’età dei bambini, non ha coinvolto in maniera diretta tutti i bambini, anche se tutti hanno svolto attività pratiche (realizzazione di cartelloni, plastici, pitture,disegni, collage, scenografie, ecc.) inerenti il progetto: il  gruppo di bambini “grandi”, di 5/6 anni ha partecipato alla realizzazione del vidoclip “Il Bosco Parlante” attivamente, con la realizzazione di disegni e la loro acquisizione  tramite scanner ed hanno “prestato” le loro voci registrate; il prodotto, presentato anche  agli altri bambini ed ai genitori ha avuto un riscontro altamente positivo.

ABILITÀ ACQUISITE DAGLI INSEGNANTI E DAGLI ALUNNI

Per quanto riguarda le insegnanti si è affinata la capacità di partecipazione collaborativa, in tutte le fasi di realizzazione del progetto a partire dalla sua stesura, presupposto primo ed indispensabile per la sua piena realizzazione; le attività proposte hanno inoltre permesso alle insegnanti di osservare meglio i comportamenti degli alunni in situazioni di apprendimento-gioco, le loro modalità di relazione, quale tra le modalità  proposte potesse meglio catturare la loro attenzione e  sollecitarne l’ interesse e la motivazione.

Relativamente agli alunni, attraverso le attività previste dal progetto si è inteso promuovere:

  • L’aumento dell’interesse e della motivazione
  • L’aumento dei tempi di attenzione
  • Il migliorare le capacità di osservazione, ascolto, analisi, esposizione
  • La rielaborazione delle esperienze vissute
  • Il saper cogliere le sequenze essenziali di una storia
  • Svolgere un compito assegnato da soli od in gruppo
  • Occasioni di scoperta ed osservazione del giardino della scuola
  • La conoscenza degli alberi del giardino ed altri alberi tipici della nostra zona
  • La capacità di rappresentare e comunicare le esperienze utilizzando vari materiali e linguaggi

La valutazione dell’esperienza a parere della grande maggioranza delle insegnanti è sicuramente positiva, in termini di arricchimento professionale, di capacità di collaborazione, di capacità di gestione di gruppi di lavoro.  Nonostante la mole di lavoro svolto l’esperienza è stata gratificante.

L’esperienza  si è rivelata coinvolgente per i bambini ed ha portato ad apprendimenti significativi.


Hanno collaborato alla realizzazione del progettotutte le insegnanti della Scuola Statale dell’Infanzia di Musile di Piave:

  • Accorsi Marilena
  • BiancottoTiziana
  • Carli Giovanna
  • Chisso Mirella
  • De Gobbi Giancarla
  • De Lazzari Annamaria
  • Florian Ornella
  • Folino Gallo Santa
  • Leone Rosaria
  • Marcato Marilena
  • Mulas Patrizia
  • Murer Roberta
  • Pivetta Gianna
  • Taschin Lucia
  • Zangrando Maura
  • Zecchin Paola

Back - Scuola dell'Infanzia - Progetti